Laboratorio di micropropagazione

Per produrre quello che serve al vivaio e tracciare l’intera filiera Dalmonte Vivai ha creato Dalmonte Micro.

dm-micro

Il laboratorio dove nascono, con tecniche di micropropagazione, nuove piante esenti da patogeni.
Costituita con l’obiettivo di completare la filiera vivaistica attraverso la produzione diretta dei portinnesti, realizzare una filiera di produzione di piante di kiwi e sviluppare la produzione di piante di susino autoradicate o microinnestate in coltura protetta.

Portinnesti: GF 677, Mirabolano 29C, COLT, CAB 6P
Kiwi: Hayward, Tomuri

dm-fondo

Dalle piante madri di categoria PRE –BASE e Base conservate dei centri Nazionali di Conservazione, viene isolato un germoglio (espianto) dal quale verrà iniziata la propagazione vegetativa, cioè l’ottenimento di un grande numero di individui  con le caratteristiche genetiche uguali a quelle della pianta madre.

Il sistema prevede 4 fasi di lavorazione, ognuna volta a ottenere centinaia di piantine forti e Virus Esenti idonee come Portinnesti o direttamente produttive nel caso del Kiwi, dei susini autoradicati e del Nocciolo.

La funzione della prima fase è di instaurare una coltura sterile.
Poi la moltiplicazione che avviene tramite la periodica segmentazione dei micro-germogli più sviluppati che danno origine a nuovi individui.

dm-segmentazione

Le piantine in micropropagazione vengono conservate in contenitori sterili e nutriti, allo scopo di favorire la radicazione e la proliferazione dei germogli.

dm-conservazione

L’ultima fase prevede il trasferimento della piantina radicata dall’ambiente sterile della coltura alle condizioni ambientali esterne.
Questa ultima fase (ambientamento) avviene con passaggio in serra a condizioni di elevata umidità relativa prima di essere poste a dimora.

dm-archivio

Alcune immagini della procedura