Manzoni bianco

VB_manzoni_bianco_1

Product Description

Manzoni bianco e’ un vitigno ottenuto attorno al 1930 dal Prof. Luigi Manzoni, preside della Scuola Enologica di Conegliano, da un incrocio “Riesling renano” x “Pinot bianco“. Il vitigno presenta vigoria media ed è dotato di notevolissime capacità di adattamento a climi e terreni molto diversi, dando ovunque buoni risultati. Manzoni bianco dà il meglio di se in ambienti collinari, non compatti, profondi, freschi… Read More

Additional Information

Registro Nazionale

Varietà iscritta al Registro Nazionale delle Varietà di Vite con il n°299

Germogliamento

II° decade di Aprile

Epoca di raccolta

III° decade di Agosto – I° decade di Settembre

Descrizione

Manzoni bianco e’ un vitigno ottenuto attorno al 1930 dal Prof. Luigi Manzoni, preside della Scuola Enologica di Conegliano, da un incrocio “Riesling renano” x “Pinot bianco“. Il vitigno presenta vigoria media ed è dotato di notevolissime capacità di adattamento a climi e terreni molto diversi, dando ovunque buoni risultati. Manzoni bianco dà il meglio di se in ambienti collinari, non compatti, profondi, freschi e fertili

Sinonimi: Incrocio Manzoni 6.0.13

Grappolo: Manzoni bianco presenta un grappolo piccolo (peso medio 125 g), conico o cilindrico, spesso alato (1 ala), mediamente compatto. L’acino è medio piccolo, sferico, con buccia di colore giallo verde piuttosto consistente che lo rende poco sensibile al marciume. Se assaggiato l’acino è aromatico

Caratteristiche enologiche: vinificando il Manzoni bianco si ottengono mosti di discreta gradazione ed acidità, infatti viene utilizzato, in purezza per la produzione di vini di qualità. In uvaggio apporta gradazione ed acidità

Cloni disponibili sui principali portinnesti: SMA ISV 222

Tipologia del prodotto: Barbatelle innestate