Superstayman

Superstayman

Product Description

Superstayman è una cultivar dal portamenti espanso, vigorosa e molto produttiva. La messa a frutto è rapida, interessante caratteristica è la limitata cascola pre-raccolta dei frutti. Superstayman è apparsa, in tutti gli ambienti in cui è stata valutata, superiore a Neipling Stayman (varietà da cui è originata) sia per quanto riguarda la produttività che per la qualità dei frutti. Tipologia del prodotto: Astone di… Read More

Additional Information

Epoca di fioritura

Intermedia

Impollinazione

Si, autosterile (impollinatori consigliati Red Delicious, Gala, Golden e Fuji)

Epoca di raccolta

III° decade di Settembre – I° decade di Ottobre (+15 Golden Delicious)

Conservabilità

buona

Resistenza alle avversità

Scarsa sensibilità alle spaccature. Cascola pre-raccolta dei frutti inferiore rispetto Neipling Stayman

Zona vocata di piantagione

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Superstayman”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione

Superstayman è una cultivar dal portamenti espanso, vigorosa e molto produttiva. La messa a frutto è rapida, interessante caratteristica è la limitata cascola pre-raccolta dei frutti. Superstayman è apparsa, in tutti gli ambienti in cui è stata valutata, superiore a Neipling Stayman (varietà da cui è originata) sia per quanto riguarda la produttività che per la qualità dei frutti.

Tipologia del prodotto: Astone di 1 anno a radice nuda

Clone: ISFTCAV

Frutto: Superstayman presenta frutti di grossa pezzatura (peso medio 239 g) dalla forma conica tronca. La buccia presenta colore giallo verde con sovracolore rosso intenso uniforme esteso sull’80 – 90% della superficie. La polpa è di colore bianco – crema, compatta, succosa ed aromatica. All’assaggio risulta piacevole, appena dolce, acidula, con ottime caratteristiche organolettiche.

Origine: Italia (mutante di Neipling Stayman ottenuto nell’ambito di un programma di miglioramento genetico costituito da radiazioni ionizzanti, individuato nel 1979 dal dr.  Walter Faedi presso l’azienda Bulgaria di Cesena)

Editore: CRA Forlì

Categorie: ,